ΠΕΡΙΟΥΣΙΑ, analizzando “il quaderno giallo di Luigi Pericle”

ΠΕΡΙΟΥΣΙΑ

Perusia = Fortuna, patrimonio (da intendersi naturalmente in termini spirituali come nell’intervista del catalogo “Beyond the visible” di Pablo :

F. “Qual è il Suo pensiero fisso?”
G. “L’accumulo di beni.”
F. “Questo è ciò che chiamo sincerità; ma non sospettavo che il suo amore per il denaro svolgesse un ruolo
così importante.”
G. “Non ho parlato di soldi. È decisamente più intelligente raccogliere ciò che puoi portare via se alla fine
del breve percorso lasci il corpo.”
F. “Deve essere rassicurante avere il potere di disprezzare i soldi.” G. “Disprezzare i soldi è tanto sciocco quanto come l’amore per il denaro.”

Arconte

Misteri Eleusini

Accademia Platonica

Eumolpo

Eumolpo (gr. Εὔμολπος) Personaggio della mitologia greca, connesso con i misteri di Eleusi. Il nome significa «buon cantore» ed era considerato il capostipite della famiglia degli Eumolpidi, all’interno della quale veniva sempre scelto lo ierofante nei misteri. Figlio di Posidone e di Chione, E. al momento della nascita fu gettato dalla madre nel mare; il padre lo raccolse e lo fece allevare da Bentesicima. Sposò in seguito una figlia di lei e ne ebbe un figlio, Ismaro. Giunse poi a Eleusi dove partecipò tra i primi ai misteri; durante la guerra tra gli Eleusini e gli Ateniesi soccorse i primi con un esercito di Traci e rimase ucciso da Eretteo.

basileus

basileus (gr. βασιλεύς) Nome (di etimo molto discusso, probabilmente non indoeuropeo) che nell’antica Grecia designava il re; esso è stato identificato con la forma micenea pasireu che nel 13° sec. a.C. designava tuttavia un signore sottoposto al re vero e proprio (wanaka). Nondimeno il termine b. finì con il prevalere (già in Omero) per designare il monarca, istituto i cui poteri furono delimitati e assorbiti dalle aristocrazie, a partire dall’inizio del 1° millenio. Nel 5° sec. a.C. la monarchia sussisteva ormai solo a Sparta e in alcune regioni periferiche della grecità (Macedonia, EpiroCipro); tuttavia, in certe località si perpetuò, con il nome, l’antica funzione sacrale dei re, per es. ad Atene (l’ἄρχων βασιλεύς).

La parola, che nella Grecia propria designava ormai quasi esclusivamente il re per eccellenza, cioè il re di Persia, trasse nuovo vigore dallo stabilirsi delle grandi monarchie ellenistiche. In seguito fu detto b. l’imperatore romano e poi quello bizantino, ma il termine si era ormai caricato di nuovi significati (quello di imperator e di Augustus).

In varie città greche b. fu anche usato come epiteto di Zeus.

Lo studio del libro giallo consultabile al link all’inizio del post e qui di seguito nel caso l’avesse mancato è cosa ardua, le lingue in gioco sono molte, dal tedesco al greco ai simboli astrologici e altri … vi do degli spunti ma non posso fare il lavoro al posto vostro … buona ricerca !

ΠΕΡΙΟΥΣΙΑ

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s