Sir John Soane

Google infinite gallery

Il Sir John Soane’s Museum è la straordinaria casa e museo dell’architetto britannico Sir John Soane (1753-1837). In questa pagina scoprirete la storia del Museo, il suo fondatore e le sue collezioni di livello mondiale.

Sir John Soane è stato uno dei principali architetti dell’epoca Regency, professore di architettura alla Royal Academy e collezionista di dipinti, sculture, frammenti e modelli architettonici, libri, disegni e mobili.

Nato nel 1753, quarto figlio di un muratore, i legami professionali del padre con gli architetti e il suo talento naturale per il disegno gli valsero la possibilità di formarsi come architetto. Studente talentuoso e laborioso, Soane ottenne la prestigiosa Medaglia d’Oro per l’Architettura della Royal Academy e di conseguenza ricevette una borsa di studio (finanziata da Re Giorgio III) per intraprendere un Grand Tour in Europa. I suoi viaggi alle rovine di Roma antica, Paestum e Pompei ispireranno il suo interesse per l’arte e l’architettura classiche per tutta la vita.

L’uso inventivo della luce e dello spazio e la sperimentazione delle forme dell’architettura classica valsero a Soane un grande successo come architetto. Nel corso della sua carriera si aggiudicò numerosi progetti di alto profilo, tra cui la Banca d’Inghilterra (di cui fu architetto per 45 anni) e la Dulwich Picture Gallery, e creò la sua straordinaria casa e il suo museo a Lincoln’s Inn Fields.

I suoi successi come architetto e il suo fascino per la storia dell’architettura lo portarono a essere nominato professore di architettura alla Royal Academy nel 1806. Già appassionato collezionista, iniziò a ristrutturare la sua casa di Lincoln’s Inn Fields come museo per gli studenti di architettura.

Gli edifici
Oggi il Museo di Sir John Soane occupa tre edifici, ai nn. 12, 13 e 14 di Lincoln’s Inn Fields. Sir John Soane acquistò e ricostruì ciascuno di questi edifici durante la sua vita.

Nel 1792, Soane acquistò il n. 12, all’epoca una casa del XVII secolo, che demolì e ricostruì per farne la sua casa e il suo ufficio. Vicino alla Banca d’Inghilterra, di cui era architetto, alla Royal Academy (che allora si trovava a Somerset House) e alle locande di High Holborn, la proprietà era una posizione comoda per Soane sia come abitazione che come ufficio. Nel 1807, ormai professore di architettura alla Royal Academy, Soane acquistò e si trasferì al n. 13, la casa accanto, creando un ufficio di architettura più grande e quella che oggi è l’Area Dome, che riempì con le sue collezioni in rapida espansione, e affittando la parte anteriore del n. 12. Alla fine del 1823 acquistò il n. 14, che demolì e ricostruì nel 1824-25, progettando una nuova Picture Room come estensione del n. 13 per ospitare la sua collezione di dipinti in espansione.

Il Museo
Con una collezione di migliaia di oggetti che spaziavano dalle antichità egizie e dalle sculture romane ai modelli di edifici contemporanei, alla sua morte la casa di Soane era diventata un museo. Soane acquisì alcuni oggetti spettacolari, tra cui il sarcofago del faraone egiziano Seti I.

L’organizzazione del Museo può sembrare a prima vista affollata e persino caotica. Tuttavia, essa è in realtà mirata: ogni interno è un’opera d’arte a sé stante. Soane disponeva e riordinava costantemente la collezione, non solo per incorporare nuove acquisizioni, ma anche per esaltare le qualità poetiche degli oggetti attraverso accostamenti creativi e stimolanti. Nella Model Room, ad esempio, Soane collocava i modelli delle sue opere sotto i modelli delle antiche rovine che le avevano ispirate.

Nel 1833, Soane negoziò un atto privato del Parlamento: preservare la sua casa e la sua collezione, esattamente come erano disposte al momento della sua morte, in perpetuo – e mantenerle aperte e libere per l’ispirazione e l’educazione. Alla sua morte, avvenuta nel gennaio del 1837, un consiglio di amministrazione si assunse la responsabilità di sostenere le volontà di Soane, come fa tuttora.

Oggi questa casa unica attira più di 100.000 visitatori all’anno. Ci auguriamo che entrino incuriositi e ne escano ispirati, come voleva il nostro Fondatore.

Programmate la vostra visita oggi stesso. L’ingresso è gratuito per tutti e siamo aperti dalle 10.00 alle 17.00, dal mercoledì alla domenica e nei giorni festivi.

Advertisement

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s